Zanonato non sarà mai presidente dell’Anci Nazionale.

0
374

“In merito alle dichiarazioni rilasciate dal vice sindaco di Padova Ivo Rossi, che “lancia la volata” di Flavio Zanonato alla guida dell’Anci, risponde il Vice Presidente di Anci Nazionale On. Massimo Bitonci, che proprio ieri ha incontrato l’On. Osvaldo Napoli, attuale Presidente dopo le dimissioni dell’ex sindaco di Torino Sergio Chiamparino, per concordare i prossimi appuntamenti dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani a livello nazionale:

“Con l’On. Osvaldo Napoli, bravo e moderato Presidente di Anci– dichiara l’On. leghistaMassimo Bitonci, – abbiamo fatto anche il punto sulla linea da tenere relativamente agli ultimi decreti attuativi, soprattutto sul sistema premiale e sanzionatorio per le Regioni e gli Enti locali e sulla modifica al Codice delle Autonomie, provvedimenti molto importanti che interessano tutti gli oltre 8.000 comuni italiani.
A margine dell’incontro si è discusso anche di questa intempestiva mossa che vorrebbe lanciare Zanonato ai vertici dell’Associazione. Voglio solo ricordare che, mentre la scelta dei vari Vice Presidente viene operata in conseguenza ad una nomina di parte, fatta da ogni singolo partito, per la carica di Presidente è necessaria una convergenza che Zanonato non riuscirà mai a strappare”.
“Zanonato – prosegue il Deputato del Carroccio, non ha certamente lo spessore di Sergio Chiamparino che, da leghista, gli ho sempre riconosciuto.
Chiamparino, con quel suo modo di fare bonario, cordiale ed affabile non ha niente a che spartire con lo scontroso, introverso e presuntuoso Zanonato, perennemente stizzito e mai sorridente. Un personaggio così non potrà mai rappresentare anche la Lega Nord o gli altri partiti di centro destra ai vertici di Anci.
Il consenso dei sindaci per un carica tanto delicata, può essere conquistato solo da persone come Chiamparino che, pure nella differenza della collocazione politica, hanno dimostrato di poter rappresentare tutti i sindaci, anche e soprattutto nei momenti di difficoltà e contrasto con il Governo, senza trasformare l’azione dell’Anci in una mera battaglia politica di parte, cosa che invece fa regolarmente Zanonato con le illazioni ed uscite quotidiane su qualsivoglia argomento, dai sacrifici richiesti ai comuni, al federalismo, alle riforme, alla giustizia, alla sicurezza (come se non dovesse guardare a casa propria, riflettendo su come Padova, grazie al suo buonismo, risulti uno dei comuni più insicuri d’Italia) pur di andare contro il Governo e di remare contro il Ministro Maroni. Basti ricordare la volta in cui, come un bambino capriccioso e testardo, ha disertato l’incontro con il Ministro dell’Interno, reo di aver scelto la Prefettura come luogo per il summit sulla sicurezza, anzichè la sede comunale. Come può rappresentare i Sindaci di tutta Italia un uomo di tale “statura morale”? Bocciatura su tutta la linea dunque: Zanonato non sarà mai Presidente di tutti i Sindaci d’Italia, al massimo potrà aspirare alla carica di presidente del soviet…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here