Chiude bottega Gino Bettini, il “Barbiere del Santo” che rivuole Bitonci sindaco

0
1354

Finisce maggio e se ne va un pezzo di storia.

Gino Bettini, il “Barbiere del Santo”, coiffeur padovano di vecchia scuola, abbassa definitivamente la serranda “vista Basilica” e se ne va in pensione.

Con lui chiude un pezzo di storia cittadina, quella della rinascita del dopoguerra, di Appiani ed Antonianum centri sacri di uno sport padovano ai massimi livelli nazionali, tutto dispiegato ad uno sbuffo dal Santo, là attorno a Prato della Valle…

Una storia che passa per le tante fotografie e i tanti gagliardetti appesi alle pareti del negozio.

Una Padova autenticamente padovana, la cui memoria purtroppo trascolora, per ragioni varie e troppo ampie per poter essere ricondotte solamente ad un ambito locale.

“Padova è cambiata tantissimo in questi decenni.

Quando ho aperto, negli anni sessanta, queste stesse vie erano piene di negozi: c’erano panifici, bar, alberghi, calzolai e falegnami… oggi siamo rimasti in due: il fornaio di via Rudena ed io, che chiuderò dopodomani.

Il commercio in città sta morendo e poi c’è il problema della sicurezza, che è diventato emergenza ormai.

L’unica speranza per Padova – per me – è Bitonci.

Uno che ha portato novità, un messaggio nuovo, che si è liberato da tanta ipocrisia anche.

Purtroppo c’è anche della diffidenza nei suoi confronti, qualcuno gli va contro perché si fa bloccare dall’ideologia: si concentra sul partito anziché sulla persona.

Guarda quante cose buone ha fatto, però: alla Stanga ha risolto il problema del traffico che condizionava la vita di tante persone, ha ripulito il centro dagli accattoni molesti, ha chiuso il campo nomadi abusivo di Mortise, si è sempre schierato dalla parte dei commercianti, ha fatto chiudere il centro scommesse della Stazione…

Insomma, non saranno mai tutti contenti, chiunque si trovi a fare il sindaco.

Però lui ha fatto bene davvero, in due anni e mezzo ha fatto molto più e meglio di chi ha governato per vent’anni la città”.

– Ufficio Stampa di Massimo Bitonci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here