Bitonci sottoscrive con Arcus la convenzione per il completamento del restauro delle mura

0
404

Questa mattina il sindaco di Cittadella On. Massimo Bitonci ha firmato a Roma la convenzione con ARCUS (società per azioni direttamente dipendente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze) per il finanziamento del completamento del restauro della mura di Cittadella.
“Con il milione di euro che viene erogato da Arcus – spiega il sindaco Bitonci – unitamente al milione e 480 mila euro derivanti dall’8 per mille sull’Irpef e con i 266 mila euro del Ministero dell’Economia, finalmente verrà messa la parola fine al restauro delle mura duecentesche, che contraddistinguono Cittadella in tutto il mondo. Il quarto quadrante, situato a sud est, il tratto di fatto più delicato ed impegnativo dell’intera cinta muraria, potrà essere finalmente restaurato così da permettere ai cittadellesi ed ai visitatori che giungono da ogni parte del mondo di percorrere interamente il Camminamento di Ronda in quota”.
“Con il recupero di questo ultimo tratto di mura, chiudiamo definitivamente il doloroso capitolo della storia della nostra città che decine di anni fa ha purtroppo dovuto vivere sulla propria pelle la perdita del finanziamento FIO di 15 miliardi delle vecchie lire da parte delle amministrazioni democristiane che per decenni hanno governato la città murata.
Un’onta ed un affronto ai quali noi, giovane squadra di amministratori insediatasi nel 1994 alla guida di Cittadella, con testardaggine e pazienza abbiamo fatto fronte recuperando pian piano tutto il denaro necessario per vedere finalmente concluso l’immane lavoro di restauro dell’intero anello delle mura cittadine. E’ davvero un sogno che diventa realtà – sottolinea Massimo Bitonci – Noi stessi, per primi, non possiamo ancora credere di essere riusciti con la caparbietà ed il coraggio che contraddistingue l’azione di governo che abbiamo portato avanti in questi anni, a raggiungere un traguardo tanto ambito ed a restituire ai cittadellesi ed a tutti i visitatori amanti dell’arte e della storia, un patrimonio tanto importante e particolare qual è la cinta muraria duecentesca di Cittadella”.
I lavori di restauro dell’ultimo tratto, finanziati da Arcus, saranno ultimati entro la fine del 2012 e prevedono la sistemazione delle due brecce presenti nel quadrante sud-est, con la previsione del camminamento di ronda addirittura all’interno della breccia più profonda, utilizzando particolari tecniche di restauro e soluzioni innovative ma rispettose del sito storico che si va a restaurare.
“La firma apposta oggi sulla convenzione con Arcus – conclude Bitonci – pone il sigillo e la parola fine ad una vicenda che tanto ci ha preoccupato e per la quale ci siamo spesi in tutti questi anni con energia, superando a volte ostacoli imprevisti ed improvvise battute d’arresto. Ma ormai la meta è vicina e sicuramente la conclusione dell’opera di restauro ripagherà tutti, noi amministratori, e voi cittadini e visitatori, con la meraviglia di una cortina muraria intatta, restituendo alla nostra città un’immagine di incomparabile suggestione, che le consentirà a pieno titolo di aspirare all’ambito titolo di patrimonio dell’umanità dell’Unesco, annoverata tra le fortezze venete di pianura”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here